Il sindaco replica a Marzucchi, che aveva rimproverato all’amministrazione di non fare promozione
dal Messaggero Veneto del 25/4/2016 - «Mi fa piacere apprendere che anche l’opposizione abbia finalmente scoperto che Palmanova è baricentrica e che la sua economia possa vivere di servizi e di turismo. La campagna elettorale fa miracoli… Peccato che queste cose noi le stiamo dicendo da cinque anni, facendo scelte conseguenti». Replica così il sindaco Francesco Martines al suo avversario alle prossime amministrative, Luca Marzucchi, il quale aveva criticato l’attuale amministrazione per aver puntato tanto sulla promozione e poco sulla reale accoglienza del turista. Martines critica anche la posizione di Marzucchi e dei suoi colleghi all’opposizione che «per anni hanno denigrato quanto fatto per far conoscere Palmanova con la comunicazione (a breve arriverà una nuova troupe televisiva giapponese), i risultati ottenuti per partire con la conservazione del patrimonio, il programma di valorizzazione degli immobili pubblici la cui operatività sarà avviata a breve, l’inserimento della città in un circuito internazionale con la candidatura Unesco e i progetti europei, le azioni per rendere Palmanova città a misura di famiglia e turisti. Queste sono le azioni che creano le condizioni affinché cresca il turismo e affinchè il privato decida di investire per aumentare la ricettività».

Quanto alla proposta di Marzucchi di puntare a far sorgere una struttura ricettiva in grado di accogliere gruppi numerosi all’interno della Ederle, Martines commenta: «Ma quante strutture vogliono fare in quel sito? Oltre all’albergo e centro congressi (che dovrebbero fare i privati), hanno proposto la piscina, il nuovo polo scolastico, la nuova casa di riposo (notizia emersa nell’ultima conferenza capigruppo). Servirebbero minimo 60 milioni di euro di denaro pubblico; dove li trovano? E cosa ne facciamo delle strutture esistenti? Mi sembrano – conclude – proposte utopistiche che non tengono conto del contesto economico».